vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Baldissero Torinese appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Poesie

Baudissé

Domine Dé un dì a guardava giù
lòn che an set dì l’avìa combinà,
peui, tut aleghèr com na masnà,
l’ha dit :” Veuj fé l’otava maravija!”

L’ha ciamà n’Angel su dal Paradis,
ëd la Santa Congrega ëd j’ovriè,
l’ha dije : “Angel, date un pòch da fé:
veuj ch’it travaje ‘n pòch con fantasìa!”

“Veuj ch’it ëm fasse n’àngol ëd Paradis
për coj òmo ch’a vivo ant ël bon giust,
për cola gent ch’a treuva ancora ël gust
‘dla vita pì sempia e pì onesta”.

L’Angel l’ha piàit l’auréola ant le man,
l’ha girala an sa e an là tut pensieros
për la propòsta e ansema tëmros
d’esse a l’autëssa ëd lòn che Dé comanda.

Peui – d’amprovis – l’è vnuje ‘l sentiment :
l’è andai an cròta, l’ha ciapà na tin-a,
l’ha ampinila d’un’erba fin-a fin-a
bagnà da l’eva e carëssà dal vent.

L’ha campaje na préisa ëd fior ëd prà,
doi ciclamin e ansema quatr violëtte,
un ragg ëd sol e un-a manà d’erbëtte
cheuìje giù , al frèsch, ant la boschin-a.

Ёl ciàir dla lun-a për un po’ ‘d misteri,
ël verd përfond d’un ësmerald antich,
l’ha spataralo adasi ansima ai brich
con un vent doss, sospir ëd primavera.

Na stèila an cel a fé da sentinela
trames ij ròch e l’eva cantarin-a
legera, frësca coma vos ëd faja.

Peui l’è andàit su, ‘sla nìvola pì àuta,
l’ha piàit la tin-a con ‘sta grand frità,
l’ha daje n’arbuton ….e a l’ha versà
tut so tesòr an ponta a na colin-a.

E còst tesòr, l’è facil da pensé,
da ‘ntlora l’è ciamàsse Baudissé.

Pier Carlo Maschera

Traduzione in italiano:

Nostro Signore un giorno guardava giù
quello che in sette giorni aveva combinato,
poi, tutto allegro come un ragazzino,
ha detto “Voglio fare l’ottava meraviglia”.

Ha chiamato un Angelo su dal Paradiso
della “Santa Congregazione degli Operai” .
Gli ha detto: “Angelo, datti un po’ da fare:
voglio che tu lavori con un po’ di fantasia!”
“Voglio che tu mi faccia un angolo di Paradiso

per quegli uomini che vivono nel buon giusto,
per quella gente che scopre ancora il gusto
della vita più semplice ed onesta”
L’Angelo ha preso l’aureola fra le mani

rigirandola in qua e in là tutto pensieroso
per la proposta e insieme timoroso
di essere all’altezza del volere di Dio.
Poi, d’improvviso, ecco la scintilla:

è andato in cantina, ha preso un tino,
l’ha riempito con erba fina fina
bagnata dall’acqua e accarezzata dal vento.
Vi ha gettato dentro una manciata di fiori di prato,

due ciclamini e, assieme, quattro violette,
un raggio di sole ed un pugno d’erbette
raccolte giù, al fresco, nel sottobosco.
Il chiaro di luna per un po’ di mistero,

il profondo verde di un antico smeraldo,
lo ha sparso a manciate sulle colline
con un dolce vento, sospiro di primavera.

Una stella in cielo a far da sentinella,
una spruzzata di neve come bambagia
fra le rocce e l’acqua canterina
leggera, fresca, come voce di fanciulla.

Poi è andato su, sulla nuvola più alta,
ha preso il tino con questa grande frittata,
gli ha dato una spinta ed ha versato
tutto questo tesoro sulla sommità di una collina.

E questo tesoro, è facile da capire
da allora si è chiamato Baldissero.